Buy Ultram Tramadol Online Tramadol Online Overnight Order 180 Tramadol Overnight Best Place Order Tramadol Online

La rivista Biotecnologie-news.it è iscritta al n. 1/21 Registro Stampe dd. 29/1/2021, presso il tribunale di Trento.

MAGi EUREGIO
Bertelli Farmaceutici

Ora rinascono le idee di Achille Bertelli: l’iniziativa che raccoglie il testimone scientifico

Così il dottor Matteo Bertelli rilancia la ricerca attorno alle molecole naturali

ENDOVIR ®

Aziende Innovative

BIOTECNOLOGIE NEWS

Aziende Innovative

IN3 DIAGNOSTIC
ABRES
Stem Sel
Biovecblock
Innoven
Bioecopest
NGB GENETICS
THEOREO
ADAM
Drug Discovery Clinics s.r.l.
O3 enterprise
Novavido
CHEMICARE
Chemicare
Isbiolab
GIBOB SRL

Quando si apre il sito di Gibob si trova scritto quanto segue: “Gibob ha una preziosa esperienza nell’ingegneria relativa alla fermentazione sommersa (SmF), alla fermentazione allo stato solido (SSF) e alla fermentazione dinamica allo stato solido (DSSF) di nuova concezione, evaporazione a film sottile, trattamento dei fanghi di acque reflue per condizionatori agricoli, matrici agricole che si aggiornano ai fertilizzanti , prodotti che migliorano mediante integrazione microbica, ecc. Gibob può fornire: fermentatori (SmF), bioreattori DSSF, apparecchiature di recupero e di elaborazione e formulazione a valle, evaporatori a film sottile, diversi tipi di apparecchiature di essiccazione, impianti chiavi in mano, revamping di impianti di ossidazione, scala -up servizi, ecc”. Siamo, insomma, dalle parti di un’altra realtà tra le spin off innovative italiane. Abbiamo intervistato l’ingegner Bobbiesi, che ha voluto porre più di un accento anche sullo staff che lo accompagna quotidianamente.

Di cosa si occupa ‘’Gibob’’?

Gibob s.r.l. è stata costituita quando io ho ceduto le quote di maggioranza di un’altra azienda che operava nel settore delle biotecnologie per uso agricolo e per uso ambientale. La Gibob è stata fatta soprattutto per compiere attività di sviluppo di processi biotecnologici nei ricettori nutraceutici, parafarmaceutici e agricoli. Nel campo agricolo, in particolare parafarmaci e insetticidi, usando prodotti naturali derivati da processi fermentativi.

Come è composta la sua squadra?

Tengo a precisare che la società mette a punto tecnologie partendo da risultati da laboratorio e processi industriali, ma mette a punto anche l’impiantistica corrispondente: la fornitura che fa la società può essere non solo di prodotti ma di prodotti e impianti. La nostra squadra è composta dal sottoscritto, che è attivo soprattutto nel settore impiantistico; da un responsabile amministrativo di marketing, da tre microbiologi, un chimico che si occupa però anche di microbiologia e si avvale tramite contratti esclusivi di una società che costruisce apparecchiature su nostro esclusivo disegno.

Ingegner Bobbiesi, mi parli di questo vostro impiego nelle biotecnologie…

Le tecnologie che abbiamo sono: la classica tecnologia di fermentazione sommersa, che è quella più conosciuta e praticata. È la più semplice da praticare e abbiamo un numero abbastanza elevato di microrganismi che stiamo utilizzando con processi che sono stati messi a punto da noi. In particolare, abbiamo la tecnologia di fermentazione allo stato solido, che invece è poco praticata nel mondo: solo in società altamente specializzate. Come nostra esclusiva, abbiamo la tecnologia di fermentazione allo stato solido che comprende sia il processo sia il macchinario, entrambi brevettati. È naturalmente l’unica al mondo. La stiamo testando su diverse produzioni, sia per conto nostro che per conto di terzi, anche multinazionali che sono interessati a fare prove attraverso di noi, sia attraverso il nostro impianto pilota.

Pensate che le biotecnologie possano rappresentare il futuro dell’Italia in qualche modo?

Le biotecnologie, purtroppo come dimostrano i fatti attuali, sono state troppo trascurate e troppo messe da parte e sono sopraffatte dai processi chimici. Le biotecnologie dovrebbero essere molto più prese in considerazione perché i problemi più grandi che si rivelano per la salute e il benessere dell’umanità per l’ambiente derivano da problemi che sono legati al mondo della microbiologia. A mio avviso, sono destinati a svilupparsi di più ma meriterebbero sicuramente più attenzione ed interesse da parte del settore pubblico e generale, in tutto il mondo.

Lei percepisce un po’ di ostilità e limitazioni da parte del settore pubblico?

Sì, il settore pubblico riserva poche risorse alle biotecnologie. Riserva risorse immense per il settore farmaceutico, per la ricerca medica: in particolare per il cancro. A mio avviso sono esagerate e spese male perché vanno a studiare e a lavorare su prodotti che sono vecchi da decine di anni, anziché studiare processi biotecnologici innovativi che potrebbero risolvere problemi anche del cancro (di tutti i vari tipi) in modo più mirato, con costi minori e senza i danni che producono i processi attuali.

Che ruolo attribuisce al futuro delle molecole naturali applicate al mondo delle biotecnologie?

Le molecole naturali hanno un’enorme importanza perché sono essenziali in tutti i processi biotecnologici: i microrganismi, i virus e tutto quello che è microscopico ha una sua vita e si nutre di sostanze e molecole naturali. Trovare molecole naturali di processi biotecnologici significa poter avere processi e risultati migliori. Le molecole naturali utilizzate di per sé hanno un beneficio: arricchite con microrganismi possono raddoppiare i loro benefici. È una marcia in più.

Come vede i Gibob tra dieci anni?

La Gibob è composta da giovani intorno ai trent’anni. Tra dieci anni saranno nel pieno della loro capacità sia fisiologica che intellettiva. Avendo una grossa preparazione, noi dedichiamo maggior tempo allo studio e allo sviluppo. È una società che non tende ad aumentare di molto il numero del personale. Vedo la nostra azienda nell’estrema ed esclusivamente aumentata professionalità e sviluppo di nuove tecnologie e nuovi processi.

FP

Condividi Articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
GENELAB-SRL
Gibob
ViroStatics
HiQnano
LMPE srl
Graftonica
Genomix 4 Life
EnGenome
3DIFIC
INSIMILI
Clonit
Euleria
Growa