La rivista Biotecnologie-news.it è iscritta al n. 1/21 Registro Stampe dd. 29/1/2021, presso il tribunale di Trento.

MAGi EUREGIO
Bertelli Farmaceutici

Ora rinascono le idee di Achille Bertelli: l’iniziativa che raccoglie il testimone scientifico

Così il dottor Matteo Bertelli rilancia la ricerca attorno alle molecole naturali

ENDOVIR ®

Aziende Innovative

BIOTECNOLOGIE NEWS

Aziende Innovative

IN3 DIAGNOSTIC
ABRES
Stem Sel
Biovecblock
Innoven
Bioecopest
NGB GENETICS
THEOREO
ADAM
Drug Discovery Clinics s.r.l.
O3 enterprise
Novavido
CHEMICARE
Chemicare
Isbiolab

Proseguiamo il nostro viaggio nelle spin off più interessanti d’Italia, occupandoci ancora di genomica e delle sue prospettive. Tocca, in questa circostanza, a Genomix4Life, che ha accettato la nostra proposta d’intervista, decidendo di raccontarci struttura e prospettive di questa interessante realtà aziendale campana. Tra tecniche innovative e scoperte, anche in questo caso ci troviamo dinanzi a delle persone che devono ringraziare soprattutto se non solo se stesse, con la certezza e la speranza che il biotech rappresenti sempre di più una costante per la costruzione del nostro tessuto economico-sociale, tanto per il presente quanto per il futuro.

Di cosa si occupa Genomix4life?

Genomix4Life è una PMI innovativa che opera nell’ambito della medicina di precisione e personalizzata con l’obiettivo di studiare le alterazioni genetiche integrate allo stile di vita e all’ambiente, individuando nuove strategie terapeutiche mirate per ciascun individuo inclusa la prevenzione attraverso lo sviluppo di biomarcatori di malattia per la diagnosi precoce non invasiva. Uno dei progetti più rilevanti riguarda lo studio di marcatori molecolari per lo sviluppo di metodiche diagnostiche non invasive in Biopsia Liquida in ambito oncologico. Genomix4Life fornisce servizi di ricerca avanzata in genomica e bioinformatica, grazie alla disponibilità di tecnologie di ultima generazione e ad un team di professionisti altamente qualificati con una lunga esperienza nel campo della biologia molecolare, della genomica e della bioinformatica.

Come siete strutturati?

Genomix4Life nasce come spin off dell’Università degli Studi di Salerno nel 2013 e, come tale, ha tra i soci fondatori Ricercatori e Professori universitari, nonché la Fondazione Universitaria. Nel 2018 due Aziende operanti nel settore della Sanità (GVM Care & Research e Casa di Cura C.G. RUESCH) hanno creduto ed investito nel progetto Genomix4Life entrando così a far parte della compagine societaria. L’azienda è gestita da un consiglio di amministrazione composto da 5 persone, in prevalenza donne, le quali svolgono ruoli fondamentali anche nell’organizzazione aziendale. Nello specifico la dott.ssa Maria Ravo, legale rappresentante dell’azienda si occupa della gestione dei progetti di ricerca ed è il responsabile dell’area amministrativa, la dott.ssa Giovanna Marchese ha il ruolo di responsabile dei servizi e di responsabile ricerca e sviluppo, infine la dott.ssa Angela Cordella è principalmente impegnata nella gestione della sicurezza e della qualità in azienda. Attualmente, la Società può contare su uno staff di 13 professionisti, molti dei quali presenti fin dalla nascita di Genomix4Life, che con entusiasmo e voglia di fare hanno contribuito alla crescita dell’Azienda.

C’è qualcuno a cui dovete dire “grazie”? 

Dobbiamo dire grazie soprattutto a noi stessi, a chi ha avuto l’idea e l’intuizione che la genomica sarebbe stata la chiave di volta per lo sviluppo della medicina di precisione. Grazie a chi ha sempre sostenuto e lavorato per Genomix4Life e ha permesso di portare l’azienda ad essere una delle aziende biotecnologiche all’avanguardia in Italia. Dobbiamo dire grazie alla nostra caparbietà, alla nostra tenacia, al credere nel nostro progetto. Questo ci ha portato a tenere alto il nome dell’azienda in un momento di forte crescita per le biotecnologie e per il sequenziamento di nuova generazione in Italia, ci ha fatto destreggiare tra i competitori e anche in questo momento di forte crisi economica e sanitaria siamo riusciti a portare avanti l’azienda. Un grazie ai nostri clienti e collaboratori, che ci sostegno rivolgendosi a noi, utilizzando i nostri servizi e le nostre consulenze.

Pensate che la genomica possa rappresentare parte del futuro della nostra nazione(e perché)? 

Assolutamente si e questo periodo di forte crisi sanitaria ci sta facendo rendere conto che le nuove tecnologie e in particolare la genomica contribuiranno all’evoluzione della conoscenza. Le tecnologie innovative che sono alla base della genomica verranno applicate sempre più alla diagnostica e alla medicina contribuendo a personalizzare le diagnosi e le cure. Naturalmente bisogno investire in questo settore, incentivare la ricerca e i finanziamenti nell’ambito della medicina di precisione e della genomica al fine di migliorare sempre più una diagnosi precoce e personalizzata nonché una terapia mirata ad hoc per ciascuno, in ambito oncologico e non solo.

Come vi vedete tra dieci anni?

Tra 10 anni ci vediamo in costante crescita e soprattutto speriamo di essere nel settore non solo della genomica e della bioinformatica applicata alla ricerca ma anche nel settore più specifico della diagnostica. Ci auguriamo di poter applicare le nostre tecnologie innovative e il nostro know how anche alla diagnostica ed entrare a far parte del sistema sanitario nazionale per poter essere utili non sono alla ricerca ma anche alla salute pubblica, contribuendone al potenziamento e potendo dare il nostro contributo. Questo lo speriamo magari prima di 10 anni. Ma la burocrazia in questo è davvero una barriera.

Quali sono le vostre scoperte o tecniche più innovative?

Genomix4Life lavora da anni nel campo della biopsia liquida e dell’identificazione di biomarcatori molecolari, ricerca supportata da progetti finanziati da MiSE, MIUR e Regione Campania. La ricerca di Genomix4Life, in collaborazione con diversi strutture universitarie ha l’obiettivo di sviluppare un protocollo per l’identificazione di marcatori molecolari identificativi di infiammazione avvalendosi delle informazioni derivanti dal sequenziamento degli acidi nucleici da biopsia liquida in pazienti affetti da differenti patologie. Genomix4Life ha sviluppato un workflow ad hoc che consente di identificare marcatori molecolari da biopsie liquide. In particolare questo è stato possibile grazie alle attività di ottimizzazione delle procedure di raccolta e conservazione dei campioni ed alle attività di messa a punto di diversi protocolli di preparazione delle librerie per il sequenziamento di nuova generazione a partire da basse quantità sia di acidi nucleici integrate con le attività di sviluppo di una pipeline bioinformatica ad hoc per l’analisi dei dati.

Cosa ne pensa del futuro del biotech in Italia?

Il biotech in Italia ha tutte le carte in regola per poter avanzare ed essere valorizzato, purtroppo i fondi dedicati sono pochi e tanta la burocrazia che fa si che rimaniamo sempre un passo indietro rispetto alle innovazioni e le tecnologie che sono più veloci in Europa e nel resto del mondo. La cosa che contraddistingue l’Italia è la qualità e la competenza e questo fa ben sperare nel fatto che forse da questa forte crisi che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo l’unica arma che possiamo avere sempre pronta è la ricerca e l’innovazione nel campo della salute e delle biotecnologie.

FB

Condividi Articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
GENELAB-SRL
Gibob
ViroStatics
HiQnano
LMPE srl
Graftonica
Genomix 4 Life
EnGenome
3DIFIC
INSIMILI
Clonit
Euleria
Growa