Order Tramadol 180 Cod Tramadol Ordering Cheap Tramadol Overnight Cod Tramadol Overnight Shipping Visa

La rivista Biotecnologie-news.it è iscritta al n. 1/21 Registro Stampe dd. 29/1/2021, presso il tribunale di Trento.

MAGi EUREGIO
Bertelli Farmaceutici

Ora rinascono le idee di Achille Bertelli: l’iniziativa che raccoglie il testimone scientifico

Così il dottor Matteo Bertelli rilancia la ricerca attorno alle molecole naturali

ENDOVIR ®

Aziende Innovative

BIOTECNOLOGIE NEWS

Aziende Innovative

IN3 DIAGNOSTIC
ABRES
Stem Sel
Biovecblock
Innoven
Bioecopest
NGB GENETICS
THEOREO
ADAM
Drug Discovery Clinics s.r.l.
O3 enterprise
Novavido
CHEMICARE
Chemicare
LiquidWeb
Isbiolab
Biopills
Bioscience Research
biorfarm

MAGI festeggia quindici anni e si organizza per il futuro

INTRODUZIONE: 

Il 3 e 4 ottobre 2021, presso la Scuola Grande di San Marco, a Venezia, si è svolto un convegno internazionale organizzato in virtù dei quindici anni dalla fondazione di MAGI Group, realtà ormai rinomata nel campo della diagnosi e della ricerca attorno alle malattie genetiche e rare ma che da qualche tempo è anche entrata a pieno titolo nel campo dell’innovazione biotech, con una specifica attenzione relativa all’estrazione di molecole naturali ed alla applicazione di quest’ultime. A fare gli onori di casa è stato il patron Matteo Bertelli, genetista con un ruolo attivo presso la Società europea di biotecnologie, in qualità di coordinatore della formazione dei giovani studenti europei. Bertelli, in virtù della kermesse, oltre a fare il punto sullo stato di salute della ricerca medico-scientifica in campo internazionale, si è anche voluto dotare di un Comitato  etico. Lo sviluppo delle biotecnologie e delle nuove tecnologie, del resto, impongono alla comunità scientifica, ma anche a quella culturale, domande sempre nuove. MAGI ritiene che l’etica debba coadiuvare la scienza in una fase così delicata, considerata soprattutto la portata delle novità scientifiche apparse in un tempo così ristretto su tutto il globo terrestre. Si pensi, a titolo esemplificativo, a l’editing genetico.

L’ATTENZIONE RISERVATA DAI MEDIA IN QUESTE SETTIMANE

La manifestazione è stata seguita da numerosi media nazionali. Il dottor Matteo Bertelli, dopo alcuni ragionamenti introduttivi sull’evento rilasciati a La Voce del Trentino e dopo essere stato ripreso da numerosi organi di stampa in funzione della prossimità temporale con il quindicennio dalla nascita della sua azienda ha avuto modo di essere intervistato sia da TgCom24,  sia da Rai News che si è tuttavia soffermata sulla partecipazione dell’Associazione Albert Schweitzer, che è stata fondata sempre dal dottor Matteo Bertelli e che è dedicata al pensiero ed all’azione del medico sostenitore del multilateralismo diplomatico, ad un’iniziativa svoltasi a Bolzano, in collaborazione con Sport City, sulle possibili correlazioni tra genetica e prestazione sportiva. Ma il quindicennale di MAGI Group è stato raccontato pure da Milano Finanza  e da numerosi altri quotidiani e testate televisive che hanno voluto dedicare alcuni loro spazi al quindicennale di MAGI Group. Bertelli, attraverso le dichiarazioni rilasciate, ha avuto modo di argomentare su più aspetti dell’attività della realtà che presiede: dalla biotecnologia alla genetica, appunto, passando dalle collaborazioni stipulate o rinnovate di recente, come nel caso di quella che riguarda Casa Sollievo della Sofferenza, nosocomio pugliese voluto da San Pio da Pietralcina. 

LA PRESTIGIOSA LOCATION: LA SCUOLA GRANDE DI SAN MARCO DI VENEZIA (e l’evento inaspettato)

Tra tante location possibili, il dottor Matteo Bertelli e la sua realtà hanno voluto che il quindicennale si svolgesse presso la Scuola Grande di San Marco, a Venezia. Un luogo suggestivo, dove tutti gli ospiti, molti dei quali provenienti da realtà accademiche ed eccellenze estere, hanno potuto apprezzare la continuità medico-scientifica che ha interessato la manifestazione, in virtù del ruolo storico svolta dall’istituto veneziano nel corso dei secoli. Come si legge in uno dei numerosi articoli che hanno introdotto lo svolgimento del quindicennale, del resto, la Scuola Grande di San Marco a Venezia “è stata fortemente ispirata dalla percezione della cura dei pazienti e della salute durante l’Impero Romano d’Oriente, dove la gestione delle discipline medico-scientifiche era affidata a istituzioni indipendenti dallo Stato”. E ancora la Scuola Grande di San Marco è ritenuta “un simbolo di come la scienza sia stata in grado d’irradiarsi in molte parti del mondo, a partire da una singola e prestigiosissima realtà, che ha a che fare eccome pure con la Scuola di Medicina di Israele”. Stando a quanto svelato dal dottor Mario Po’, direttore del Polo Culturale e Museale della Scuola – così come si legge sul sito dell’evento di MAGI Group  – la Scuola Grande di San Marco può vantare, tra i protagonisti della sua continuativa e rimarchevole parabola medico-scientifica, personalità come “Franco Salomone – medico veneziano fondatore dell’Israel Pathology Department presso l’Hadassah Hospital Center di Gerusalemme – e Umberto Saraval – fondatore dell’odontoiatria italiana, anche lui un veneziano che è riuscito a sopravvivere alla persecuzione”. Una particolarità, infine, ha pervaso la curiosità dei partecipanti: per tutto il corso del quindicennale, è stata ventilata l’ipotesi che il fenomeno dell’acqua alta potesse abbattersi sulla città lagunare. Evento che si è puntualmente verificato, ma solo in seguito al termine del quindicennale di MAGI Group, che ha così potuto portare a termine l’ordine dei lavori, senza interrompere il tutto in funzione della pronosticata previsione sull’andamento della marea. 

GLI OSPITI ED IL LORO CONTRIBUTO 

Come premesso, il convegno ha visto l’alternarsi d’interventi tenuti da ospiti di caratura internazionale. Dal Professor Giampietro Farronato del Department of Biomedical, Surgical and Dental Sciences, School of Dentistry, University of Milan alla Professoressa Ludovica Lumer, che opera presso l’ Institute for Psychoanalytic Training and Research, del New York che si è voluta soffermare sul portato trasformativo delle biotecnologie, con tutto quello che questo comporta anche in termini socio-psicologici, passando per il professor Sandro Michelini, del Department of Vascular Rehabilitation del San Giovanni Battista Hospital di Roma, che ha rimarcato quale sia lo stato degli studi attorno al lipedema ed al linfedema, spiegando quali risultati siano stati raggiunti grazie alla progressione della comprensione genetica ed alle nuove tecniche di sequenziamento, passando per il Prof. Stanislav Miertus, che è incaricato presso il Department of Biotechnology, University of SS. Cyril and Methodius, Trnava, Slovakia, che ha fatto dell’avanzamento delle consapevolezze in genetica l’architrave del suo intervento e dal professor Roberto Simonutti, incaricato presso il Department of Materials Science, Univerisity of Milan-Bicocca e che, oltre a rappresentare l’azienda Graftonica, ha spiegato quale siano le contiguità, persino strutturali, tra le Scienze dei materiali ed alcuni aspetti della biologia umana, circoscrivendo prospettive ed importanza dei polimeri. Ma i relatori sono stati davvero molti e tutti – possiamo dirlo con assoluta certezza – sono stati accomunati dall’interesse suscitato tra gli astanti. Al quindicennale di MAGI Group hanno detto la loro pure il professor Liborio Stuppia, che è incaricato presso il Department of Psychological, Health and Territorial Sciences della School of Medicine and Health Sciences della “G. d’Annunzio” University of Chieti-Pescara, il professor Peter Sykora, che è incaricato presso Centre for Bioethics, Department of Philosophy and Applied Philosophy, University of St. Cyril and Methodius, a Trnava, in  Slovakia, che è a sua volta intervenuto sul portato bioetico dello sviluppo delle biotecnologie, il professor Pietro Chiurazzi, che è incaricato presso Istituto di Medicina Genomica dell’ Università Cattolica del Sacro Cuore, che ha spiegato quali incredibili risultati abbiano prodotto le collaborazioni con MAGI Group, il professor Gianluca Marino Tartaglia, che è incaricato presso il Department of Biomedical, Surgical and Dental Sciences, School of Dentistry, dell’ University of Milan, che ha rivelato quale sia il ruolo degli studi genetici applicati alla possibile risoluzione di patologie odontoiatriche dovute magari pure a patologie ereditarei maxillofacciali e il dottor Marco Castori, incaricato presso la Division of Medical Genetics, della Fondazione IRCCS-Casa Sollievo della Sofferenza, a San Giovanni Rotondo, che ha spiegato come opera il Dipartimento di Genetica del nosocomio voluto da San Pio da Pietralcina. Poi tantissimi altri: il professor Gary Henehan, incaricato presso la Pharmaceutical and Food Chemistry, Technological University Dublin, che ha parlato anche di Food Science e delle sue implicazioni prospettiche, il professor Munis Dundar, presidente della Società europea di Biotecnologie e incaricato presso il Medical Genetics and Head of the Medical Genetics Department della Erciyes University, che ha preso posizione su quanto messo in campo da Ebtna sino a questo momento e su quanto bisognerà mettere in campo nel futuro prossimo, il professor Donald Martin, incaricato presso l’University Grenoble, Alpes, che è un esperto di nanotecnologie e che ha spiegato quali siano le prospettive dell’applicazione del biotech in campo nanotecnologico, quindi nanomedico, il professor Robert Marks, incaricato presso l’ Avram and Stella Goldstein-Goren Department of Biotechnology Engineering, Ben-Gurion University of the Negev, Beer-Sheva, in Israel, che in qualità di esperto di biotecnologie ha soprattutto posto accenti sulla loro evoluzione nel mondo, il professor Tommaso Beccari, incaricato presso l’Università di Perugia, che ha affrontato soprattutto il tema della ramificazione italiana della Società europea di biotecnologie, il professor Benedetto Falsini del Gemelli di Roma, che ha elencato quanti e quali progressi siano stati fatti grazie alla sinergia tra oculistica e genetica, il professor Lorenzo Lorusso, incaricato come direttore presso il reparto di Neurologia di Merate (A.S.S.T.-Lecco), che si è soffermato su aspetti neurologici e genetici, il professor Lucio Luzzato, che non ha bisogno di eccessive presentazioni, essendo stato ventilato in più circostanze per il premio Nobel, che ha voluto onorare tutti i presenti anche con un racconto sul come si possano contrastare parassiti malarici difficili da debellare grazie alle scoperte in ambito genetico, il professor Michele Mauri, incaricato presso il Dipartimento di Scienze Materiali della Bicocca di Milano, che ha narrato come si sia avvicinato al mondo della biologia, pur provenendo da quello della Scienza dei materiali, il professor Shmuel Pietrokowski, del Dipartimento di Genetica Molecolare presso il Weizmann Institute of Science, dell’Università di Rehovot, in Israele, che ha raccontato, attraverso questa intervista, il funzionamento di un GeneCard team e da ultimo ma non per il ultimo il professor Michele Samaja, Ordinario di Biochimica all’Università Statale di Milano, presso Dipartimento di Scienze della Salute presso l’Ospedale San Paolo, che ha posto accenti, attraverso questa intervista, sulla centralità che stanno assumendo gli investimenti in ambito biotech, rimarcando quanto questi possano rivelarsi decisivi ai fini del miglioramento della ricerca medico-scientifica nel suo complesso.

IL COMITATO ETICO E LA PREZIOSA PARTECIPAZIONE DEL RABBINO KAPUSTIN 

Come anticipato, però, MAGI Group pensa che scienza e bioetica debbano essere scienze ancillari. E che la direzione presa da una non posso che essere mitigata dall’opinione espressa dall’altra. Per questo, il comitato internazionale etico voluto dal dottor Matteo Bertelli sarà presieduto dal Rabbino Mykhaylo Kapustin, uno dei rabbi di Bratislava. L’altissima autorità religiosa, che era presente al quindicennale di Venezia, ha tenuto una lezione tanto complessa quanto prestigiosa: il filone conduttore dell’intervento è stato quello del “buono” e del “cattivo”. Come apparso in questo articolo sul quindicennale di MAGI in lingua inglese, “Rabbi Mykhayko Kapustin, who is one of the main scholars of the thought of Moses Sofer, a rabbi who lived between 1700 and 1800, known for his Chatam Sofer and died in Bratislava, where there is the tomb of this central figure of Judaism. Sofer is known for having opposed the introduction of the “new” in the field of principles that are also the basis of ethical thought and therefore for the affirmation of doctrinal orthodoxy. In short, MAGI Group wanted the Bioethics Committee to be chaired by a very prestigious scholar”, ossia il “Il Rabbino Mykhayko Kapustin, che è uno dei principali studiosi del pensiero di Moses Sofer, rabbino vissuto a cavallo tra il 1.700 ed il 1.800, noto per la sua Chatam Sofer e morto proprio a Bratislava, dove vi è la tomba di questa centrale figura dell’ebraismo. Sofer è noto per essersi opposto all’introduzione del “nuovo” in ambito di principi che sono anche alla base del pensiero etico e dunque per l’affermazione dell’ortodossia dottrinale. Insomma, MAGI Group ha voluto che il Comitato di Bioetica venisse presieduto da uno studioso prestigiosissimo”. Il Rabbi, al termine dell’evento, ha anche rilasciato un’intervista

CONCLUSIONI

Volendo utilizzare le parole rilasciate dallo stesso dottor Matteo Bertelli, si direbbe che il quindicennale di MAGI Group è stata “un’occasione per ascoltare i progressi scientifici di tante eccellenze nazionali ed internazionali con cui collaboriamo da anni e con cui abbiamo intrapreso alcune recenti ed interessanti collaborazioni”. Poi la specificazione del genetista: “Non un’iniziativa elogiativa o almeno non solo: Venezia 2021 sarà pure l’occasione di lavorare tutti assieme su quello che la MAGI ha intenzione di mettere in campo nel corso del prossimo quindicennio, che è quello cui guardiamo”. Con il quindicennale di Venezia, MAGI Group ha dunque voluto delimitare quanto è già stato fatto, allargando il campo ad un futuro denso di sfide per una realtà ormai nota tanto in Italia quanto all’estero. 

 

Condividi Articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
GENELAB-SRL
Gibob
ViroStatics
HiQnano
LMPE srl
Graftonica
Genomix 4 Life
EnGenome
3DIFIC
INSIMILI
Clonit
Euleria
Growa
ADDAX
Agreenment
Latiduto 40
MgShell
Evenfi
Fintastico