La rivista Biotecnologie-news.it è iscritta al n. 1/21 Registro Stampe dd. 29/1/2021, presso il tribunale di Trento.

EBTNA
Bertelli Farmaceutici

Ora rinascono le idee di Achille Bertelli: l’iniziativa che raccoglie il testimone scientifico

Così il dottor Matteo Bertelli rilancia la ricerca attorno alle molecole naturali

ENDOVIR ®

Aziende Innovative

BIOTECNOLOGIE NEWS

Aziende Innovative

IN3 DIAGNOSTIC
ABRES
Stem Sel
Biovecblock
Innoven
Bioecopest
NGB GENETICS
THEOREO
ADAM
Drug Discovery Clinics s.r.l.
O3 enterprise
Novavido
CHEMICARE
Chemicare

La ricerca italiana segna un punto importante: ecco come le mutazioni genetiche influiscono sulla gravità del Covid-19

Arrivano novità importanti sul fronte degli studi scientifici relativi al Covid-19: la gravità della malattia potrebbe dipendere pure da fattori genetici. Anzi, stando a quanto riportato dall’Ansa, sarebbero cinque gli elementi genetici in grado di differenziare la risposta dell’organismo all’infezione. Come spesso accade in Medicina, gli approfondimenti consentono, nel tempo, di comprendere meglio quali e quanti fattori di rischio esistano per una persona o per un determinato gruppo di potenziali pazienti. Andiamo con ordine: la rivista iScience ha pubblicato uno studio secondo cui la genetica può svolgere un ruolo rispetto alla reazione del nostro organismo all’infezione dovuta al Sars-Cov2: “I cinque fattori genetici – si legge sull’agenzia sopracitata sono mutazioni che alterano il funzionamento di due geni, chiamati TMPRSS2 e MX1, e sono stati individuati dalla ricerca condotta dal gruppo del Ceinge- Biotecnologie avanzate di Napoli guidati da Mario Capasso e Achille Iolascon, docenti di Genetica Medica dell’Università Federico II di Napoli”. Non tutti dunque – come peraltro era già noto – rispondono all’infezione alla stessa maniera. Ma le differenti modalità reattive dipenderebbero dunque anche dalle mutazioni genetiche di cui si è accennato. Il tutto peraltro coinvolge alcune mutazioni che sono riscontrabili su un cromosoma specifico: il ventuno. La sensazione è che sia stato fatto un ulteriore passo in avanti in materia di comprensione delle pre-condizioni che alimentano la gravità del Covid-19. Arrivare a capire quale sia la base genetica che predispone ad un quadro grave, del resto, potrebbe aprire scenari innovativi in materia di cura e terapia. E infatti il professor Capasso, sempre stando a quanto si può leggere sull’Ansa, ha dichiarato a stretto giro che “questo studio getta le basi per mettere a punto nuovi test genetici che permettono di predire quali sono i soggetti ad alto rischio di sviluppare manifestazioni cliniche gravi di Covid-19”. Si tratterebbe sicuro di una grossa novità, pure per via della prevenzione che potrebbe essere messa in campo. La frase che lascia davvero  ben sperare, poi, è quella del professor Iolascon: “i due geni (TMPRSS2 e MX1) trovati più frequentemente mutati nel gruppo dei pazienti gravi potrebbero essere potenziali bersagli terapeutici”, ha dichiarato l’accademico. Le strategie per contrastare la pandemia potrebbero dunque essere arricchite mediante nuovi strumenti e nuove “armi”. La ricerca italiana ha segnato un altro punto sul pallottoliere dell’eccellenza.

Redazione

 

Condividi Articolo

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
GENELAB-SRL
Gibob
ViroStatics
HiQnano
LMPE srl
Graftonica
Genomix 4 Life
EnGenome
3DIFIC
INSIMILI
Clonit
Euleria
Growa